Seleziona pagina

Vita curva - Test del monitor Philips 349p7fubeb

Vita curva - Test del monitor Philips 349p7fubeb

Monitor enorme con display curvo, caffè sottile e alta risoluzione, anche per il gioco.

Philips 349p7fubeb 5


 

introduzione

Siamo stati fortunati quest'anno, abbiamo ricevuto molti monitor interessanti da MMD, il proprietario dei marchi Philips e AOC. Da quando questa società ha rilevato, questi due marchi hanno presentato display migliori del meglio quasi ogni settimana, fornendo una soluzione per ogni livello, dal semplice lavoro d'ufficio alla comunità di gioco.

Abbiamo anche avuto entrambi gli estremi e, più recentemente, siamo stati in grado di testare una soluzione portatile che funziona senza un alimentatore esterno separato. Tuttavia, il tipo di display più comunemente testato è uno dei modelli generici. Questi sono perfetti per il lavoro e l'uso multimediale, ma anche per il gioco con qualche compromesso.

Al giorno d'oggi, c'è un'interessante rivoluzione nei display, con i pannelli IPS celebrati qualche anno indietro, le soluzioni basate sulla tecnologia VA che guadagnano terreno e, cosa più interessante, le soluzioni a pellicola TN+ sono tornate, anche se pensavamo di poterle dimenticare per sempre.

Philips 349p7fubeb 1

La ragione di questa strana rivoluzione è che i produttori stanno cercando di produrre monitor che possono essere utilizzati per la maggior parte degli scopi da un lato, e che sta diventando sempre più importante conquistare il mercato dei giocatori. Quest'ultimo motivo ha portato al ritorno di pannelli TN con una qualità altrimenti scattante ma tempi di risposta rapidi. Negli ultimi anni, è stato anche dimostrato che VA è molto più adatto per display multiuso rispetto alla tecnologia IPS. Quindi ora ci siamo, con l'IPS che entra sempre più in dispositivi speciali progettati principalmente per il lavoro grafico, il VA in tutto ciò che non è un costoso monitor grafico e il TN uno dei preferiti dai display dei giocatori.

In questo articolo, esamineremo il nuovo monitor Philips, il 349p7fubeb. Anche se, devo dire onestamente, non mi sto preparando per un test serio, in quanto questa soluzione non è molto diversa dal pannello piegato Philips precedentemente provato. C'è, ovviamente, qualcosa che vale la pena menzionare in esso, tratteremo anche questi!


 

Imballaggio ed esterno

Non scriverò più un romanzo sul packaging, anche perché non è né fantasioso né speciale. La scatola in cui è arrivato non è il pezzo express da scaffale, il che significa che i commercianti di certo non lo mettono in vetrina. Sarebbe anche superfluo perché bazi è grande sul cartone, e comunque quello che troviamo dentro è molto più interessante.

Il Philips 349p7fubeb è un pezzo con un display curvo, che, come al solito, è disponibile in tre pezzi. La base, il supporto e il pannello che dobbiamo avvitare insieme. Il design, almeno se si segue l'evoluzione del tronco dei monitor Philips, è familiare. In pratica questo significa che la cornice è quasi invisibile su entrambi i lati del display e in alto, un po' più spessa in basso. Ovviamente, dopo averlo acceso, si scopre che ci sarà un'altra sottile barra di nero attorno all'immagine visibile, ma non è pericoloso, infatti, dalla parte anteriore, questi enormi pannelli sono quasi ariosi.

Philips 349p7fubeb 7

L'ariosità è in qualche modo contraria allo stand robusto. Questo è stato reso più facile con una svolta ovale e allungata. Questo supporto è comunque molto ben inventato, è stabile e può essere regolato su un'ampia gamma. Può essere ruotato sulla base, il pannello può essere inclinato verso l'alto o, se necessario, può essere abbassato fino al piano del tavolo.

Philips 349p7fubeb 2

I connettori e il mini joystick che possono essere utilizzati per la regolazione sono al solito posto. Quest'ultimo non è più insolito, da parte mia mi piace particolarmente. Seduto di fronte al monitor, si trova nella parte inferiore destra della cover posteriore. Facile da usare, puoi risparmiare usando i pulsanti. È possibile scorrere il menu inclinando il joystick a destra e a sinistra, in alto e in basso e premere per selezionare le voci di menu.

Philips 349p7fubeb 3

Una delle più grandi novità del monitor si trova nei connettori. Oltre ai consueti HDMI e Display Port, sono presenti tre connettori USB in formato convenzionale, uno dei quali può essere utilizzato per la ricarica rapida. C'è un ingresso audio, un'uscita per le cuffie e, naturalmente, un connettore di alimentazione esterno. La cosa interessante che non è ancora all'ordine del giorno è un connettore USB Type-C.

Philips 349p7fubeb 11

La connessione USB Type-C è interessante sotto molti aspetti. Da un lato, l'utilizzo di questo monitor lo rende immediatamente compatibile con Mac, inoltre poiché USB C si sta lentamente trovando su tutti i dispositivi moderni, possiamo collegare il monitor dal nostro telefono al nostro notebook con quasi tutto. Per fare in modo che non sia sufficiente il connettore viene caricato anche tramite il dispositivo connesso, quindi vinciamo due volte. Questa non è comunque un'opzione superflua, perché come ho scritto nel precedente articolo sul monitor, il mio Xiaomi Notebook Pro ha due connettori USB C, ma solo uno di essi può inviare un'immagine dalla macchina, che è ovviamente esattamente quello puoi caricare tramite. Quindi, se il monitor non carica il notebook mentre è in uso, posso godere dei vantaggi di un desktop condiviso per un tempo relativamente breve.


 

Utilizzo, abilità

Il pannello Philips 349p7fubeb MVA non si distingue da soluzioni simili in termini di capacità. Tempo di risposta adeguato ma non eccezionalmente buono (4 ms, grigio-grigio), ma gli angoli di visualizzazione e il rapporto di contrasto competono con le soluzioni IPS più economiche.

Il display, come si vede dalle immagini, è molto ampio, il rapporto d'aspetto è 21:9, la risoluzione è 3440 x 1440 pixel. Non ci sono problemi nemmeno con la fedeltà del colore, secondo i dati di fabbrica, la copertura dello spazio colore NTSC è del 99,8 e la copertura dello spazio colore sRGB è del 117,3 percento. I test pratici nella maggior parte dei casi tendono a dare valori un anth peggio di questi, ma penso che anche con questo, questi siano molti valori accettabili.

Philips 349p7fubeb 9

Naturalmente, in questo monitor troviamo anche tecnologie di miglioramento dell'immagine specifiche di Philips, quindi non mancano Ultra Wide Color, CrystalClear e LowBlue, e possiamo anche goderci il processo chiamato MultiView per la suddetta modalità di visualizzazione divisa. Quest'ultimo consente di collegare più display, come un computer desktop e un notebook, al display contemporaneamente e visualizzare le loro immagini fianco a fianco.

Una delle caratteristiche speciali del monitor è il connettore USB Type-C sopra menzionato e l'altra è la modalità operativa a 100 Hz. Il display supporta la tecnologia AMD FreeSync e, tra 40 e 100 Hz, puoi goderti immagini interrotte e fluide durante la riproduzione.

Philips 349p7fubeb 10

Come ho indicato nell'introduzione, la maggior parte dei monitor sono pezzi di uso generale e finora penso che il Philips 349p7fubeb sia uscito fuori linea. Come con tutte le soluzioni multiuso, dobbiamo scendere a compromessi con 349p7fubeb. Possiamo dire che il monitor non è molto buono in nessuna area, ma è eccellente in molte aree, come i giochi, dove non puoi competere con un pannello TN nei tempi di risposta, o il refresh delle immagini, dove produce una roba da giocatori di sangue Di Più. tuttavia, 100 Hz non devono essere sottovalutati.


 

sommario

Non ho lasciato che questo articolo si spingesse troppo lontano, ma spero di aver coperto i dettagli importanti. Se sei interessato a qualcosa in più sulla tecnologia VA, ad esempio, ti suggerisco di leggere i precedenti articoli sui monitor Philips, un elenco dei quali è disponibile alla fine di questa pagina.

Possiamo fare le solite affermazioni sul Philips 349p7fubeb. Estremamente accattivante all'esterno, maneggevole, ben regolabile, supporto ergonomicamente perfetto.

Philips 349p7fubeb 6

Le tecnologie integrate sono state testate in diversi modelli precedenti, le funzioni di miglioramento dell'immagine di Philips e il processo LowBlue intuitivo sono perfetti, quindi l'utilizzo dei display non è stancante a lungo termine. Posso solo dirlo con certezza perché un monitor Philips UHD è stato il mio fedele compagno di lavoro ormai da mesi, scrivo anche questo articolo fissandolo. Sono stato convinto dall'azienda prima, quindi suggerisco che se desideri un nuovo monitor, prendi in considerazione sia le offerte Philips che AOC, perché puoi ottenere display con funzionalità piacevoli a un costo relativamente basso.

Curvy life - Test monitor Philips 349p7fubeb 1

Circa l'autore

s3nki

Proprietario del sito web HOC.hu. È autore di centinaia di articoli e migliaia di notizie. Oltre a varie interfacce online, ha scritto per Chip Magazine e anche per PC Guru. Per un certo periodo ha gestito il proprio negozio di PC, lavorando per anni come responsabile di negozio, responsabile del servizio, amministratore di sistema oltre che nel giornalismo.