Seleziona pagina

Ecco le spese di sdoganamento post-luglio

Ecco le spese di sdoganamento post-luglio

Non vedevamo l'ora che venissero rilasciate le affrancature, che, secondo le prime notizie, erano davvero fasciate.

Ecco le spese di sdoganamento post-luglio


 

Ok, cos'è quello?

Le regole doganali dell'UE stanno cambiando, colmando una scappatoia per le frodi, rimuovendo l'esenzione dai dazi doganali e dall'IVA per i piccoli prodotti. I venditori al di fuori dell'UE hanno spesso colto l'occasione per segnalare che i prodotti che hanno acquistato da loro erano molto più economici, quindi l'acquirente non ha dovuto pagare l'imposta sulle vendite e, di conseguenza, l'UE e, naturalmente, gli Stati membri hanno perso un significativo imposta.


 

Cosa succederà dopo il 1 luglio?

Verrà abolita l'esenzione per i prodotti di scarso valore, che in pratica significa che dovremo pagare IVA e spese di sdoganamento per tutti i prodotti acquistati al di fuori dell'UE. Ci saranno diversi modi per pagare l'IVA.

  1. Il venditore si registra nel sistema IOSS o OSS e, quando vende il prodotto, paga anche l'imposta sulle vendite all'acquirente, che paga poi nel paese in cui è registrato nell'IOSS. Da qui, l'imposta pagata viene quindi distribuita agli Stati membri in base a quanto e in quale valore il prodotto è entrato nello Stato membro e, naturalmente, l'importo dell'IVA in quel paese. Abbiamo il più alto nell'UE, il 27 percento.
    In caso di pacchi che arrivano tramite IOSS, la tassa di sdoganamento sarà uniformemente da 150 HUF fino a 399 EUR!
  2. Il secondo caso è se il venditore non è registrato nell'IOSS. In questo caso, dobbiamo compilare una dichiarazione di prezzo ridotto (online) e quindi pagare secondo la tabella sottostante, a seconda del valore del prodotto (o della somma del prodotto, delle spese di spedizione e di tutti gli altri costi, che non mi è ancora chiaro).
  3. Limite di valore Online
    pagamento (HUF)
    Pagamento alla consegna
    pagamento (HUF)
    0-10 EUR 399 799
    10,01-22 EUR 499 899
    22,01-50 EUR 599 999
    50,01-100 EUR 899 1399
    100,01-150 EUR 1399 1899
  4. Se il valore del pacco supera i 150 euro, non potremo utilizzare la dichiarazione di prezzo ridotto e dovremo compilare una dichiarazione completa. Il costo della procedura in questo caso sarà di 4000 HUF.
  5. C'è anche una tassa di HUF 6600 se il destinatario viene sdoganato utilizzando il metodo di pagamento dell'IVA IOSS o SA.
    chiede un emendamento.

Sulla base di quanto sopra, restano da chiarire alcune questioni.

Ho ricevuto una referenza da diversi negozi online che a loro avviso, le vendite che conosciamo come magazzini UE non cambieranno rispetto a quelle precedenti. Ho pro e contro su questo, ma non sono né un esperto di dogana né di tasse, non voglio scrivere sciocchezze, quindi se qualcuno ha informazioni su questo mi piacerebbe aggiungere.

Poi, c'è un punto che non capisco davvero. Se un prodotto arriva tramite IOSS, cioè noi paghiamo l'IVA sull'acquisto, che il venditore versa alla grande biglietteria comune, perché è necessario che le Poste presentino il pacco in dogana e perché fa una pre-registrazione e partita IVA pagato dopo il pacco per scrivere altri 400 fiorini da noi. Questo, ovviamente, è che praticamente con questi pacchi, l'ufficio postale non ha altro da fare che consegnarlo.

Se qualcuno ha informazioni su questo argomento, un argomento legittimo, apprezzerei se lo condividessi con me in modo che possa scriverlo nell'articolo.


 

Quanto segue da quanto sopra:

È abbastanza chiaro che sarà inutile acquistare piccoli, pochi dollari di prodotti al di fuori dell'UE. Quando devi pagare una tassa doganale minima di 100 fiorini per pochi 400 fiorini di cavo, protezione per lo schermo e simili, non ha senso. A meno che, ovviamente, il prezzo non sia ancora molto più basso rispetto all'acquisto a casa, o se ordiniamo più persone in un pacchetto, ad es. cavi, condividendo così le spese di spedizione e le spese di sdoganamento.

La situazione è ancora peggiore se il venditore non è registrato nel sistema IOSS, perché in questo caso la commissione da pagare può arrivare fino a 1900 HUF al limite di valore inferiore a 150 EUR. Ovviamente vale anche la pena aggiungere che secondo il sistema precedente, per i pacchi superiori a 22 euro (o tutti superiori a 40 dollari), potevamo contare su un costo di sdoganamento di 3500 fiorini in posta. In altre parole, da un lato la situazione è peggiorata nel caso di prodotti davvero di scarso valore, per circa 10mila fiorini stiamo meglio di prima.

Tuttavia, è anche un dato di fatto che d'ora in poi nessuno può aspettarsi che ad es. un telefono ordinato da Aliexpress o qualsiasi altra cosa "sfugge" alla dogana. Questo sarà impossibile poiché dobbiamo pagare per ogni pacchetto. Allo stesso tempo, i commercianti cinesi continueranno ad avere interesse a mostrare un valore inferiore al reale sul pacco, poiché in questo modo noi, gli acquirenti, dobbiamo pagare meno a casa (almeno per i pacchi sotto i 150€).


 

sommario

In sintesi, la cosa puzza un po' di contanti, ma nel complesso la situazione non è pericolosa. Se i venditori più grandi avranno ragione a vendere dallo stock "deposito UE", cioè rimarranno esenti da IVA e dazio allo stesso modo di adesso, acquistare dall'estero può essere altrettanto attraente come una volta, come sempre tali “magazzini” ci sono più prodotti disponibili in questo modo.

In effetti, i prodotti di basso valore finora non hanno dovuto pagare l'IVA, questo appare come un articolo in più, la domanda è se vediamo un segno di questo nei prezzi cinesi (se il prezzo è in aumento), e se lo vediamo quanto sarà grande il cambiamento.

Molti però non fanno i conti con il fatto che abbiamo già pagato l'Iva sui pacchi di maggior valore (oltre i 40 dollari), al massimo non quelli nazionali, ma il 17 per cento in Lussemburgo, ad esempio. Cioè, in questo caso, il prezzo non sarà del 27, ma "solo" il 10 percento superiore all'adige. Più la tassa di sdoganamento, ovviamente.

È anche discutibile come cambierà, se non del tutto, la consegna duty-free di negozi più grandi da un magazzino cinese (Priority Line, EU Priority Line, ecc.). Nelle ultime settimane e mesi c'è stato un lento aumento dei prezzi, che potrebbe essere dovuto al passaggio al nuovo sistema che ora è in fase di lancio, almeno lo spero. Se è così, forse non dovremmo nemmeno aspettarci un cambiamento in questi modi di trasporto.

Ovviamente le risposte esatte arriveranno solo nelle prime settimane del prossimo mese, quando vedremo esattamente cosa sta succedendo con i nostri pacchi dai magazzini UE e dalla Cina, ma utilizzando spedizioni duty-free, e vedremo le nuove dogane sistema di sgombero in funzione.

Quello che è certo è che i costi nella descrizione e nella tabella sopra mi sembrano essere nella categoria tollerabile, il che significa che potremmo non dover essere preparati a dire addio ai nostri commercianti cinesi preferiti e ai buoni prezzi.

Clicca qui per il tariffario ufficiale

Circa l'autore

s3nki

Proprietario del sito web HOC.hu. È autore di centinaia di articoli e migliaia di notizie. Oltre a varie interfacce online, ha scritto per Chip Magazine e anche per PC Guru. Per un certo periodo ha gestito il proprio negozio di PC, lavorando per anni come responsabile di negozio, responsabile del servizio, amministratore di sistema oltre che nel giornalismo.

BulgarianChinese (Simplified)CroatianCzechDanishEnglishFrenchGermanHungarianItalianPolishRomanianRussianSerbianSlovakSlovenianSpanish