Seleziona pagina

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'annoPunteggio dal 97%Punteggio dal 97%

Con questo tablet e il display AMOLED, hanno mostrato una fitta a Xiaomi.Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno


 

Alldocube X Neo - Introduzione

So di averlo descritto diverse volte prima, ma sono costretto a ripetermi. È molto raro per me alzare la testa quando sento parlare di un nuovo gadget cinese.

E no, non è perché le tavolette cinesi sarebbero cattive, solo perché è un tale problema. Artigianato decente - nella maggior parte dei casi - ma questo è praticamente tutto. In una macchina media di fascia media, troviamo un display IPS da 8 o 10 pollici, un processore MediaTek a otto core, 4 GB di memoria e, meglio ancora, 64 GB di spazio di archiviazione. E di solito non osiamo sognare mobilnet, perché la maggior parte delle macchine sono fatte per il mercato cinese, quindi il 4G domestico è smemorato.

Quindi, con un nuovo tablet, è difficile sorprendermi a meno che...

Qualche mese fa, mi sono confrontato con una nuova macchina che mi ha fatto aprire correttamente la bocca. Alldocube come produttore non mi era sconosciuto. Sebbene Teclast sia considerato migliore, preferisco le macchine Alldocube. In qualche modo meno cinese.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 1

Finora, ho visto solo macchine di fascia bassa o massima di fascia media da loro, ma ora si sono avventurate più in alto e hanno lanciato un gadget di fascia alta. Ma non uno qualsiasi, ma uno che fa pipì un tecnico come me per la bellezza. Uno che l'attuale miglior tablet di Xiaomi può salutare con gli occhi bassi.


 

Imballaggio e accessori

Scatola di cartone rigido bianco con grande scritta X Neo in argento. Se questa confezione non ispira fiducia, allora niente. Sai cosa hai ordinato, sai che devi avere un tablet di fascia alta e sì, la confezione lo conferma già.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 2

Non ci sono molti accessori, però, ce ne sarebbero potuti essere di più se non mi fossi precipitato nell'acquisto. Il pacchetto base include un ago per vassoio SIM, un caricabatterie e un cavo USB e una protezione per lo schermo è incollata alla macchina. Quindi questo è tutto e non di più.

E come avrebbero potuto esserci più accessori? In modo che non abbia fretta di acquistare.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 3

La macchina è apparsa, si poteva premere il pulsante di pre-acquisto e io sono stato uno dei primi ad acquistarla. Dopo circa 12 ore è iniziata la campagna introduttiva, dove sono stati aggiunti in regalo una tastiera e una custodia. Beh, non è successo a me, ma ero così felice di poter dire ai membri del nostro gruppo Facebook di acquistarlo rapidamente, quindi molti di loro hanno anche ricevuto un pacchetto regalo del valore di circa $ 80-90.

È così che sono andato.


 

Esterno

L'Alldocube X Neo è una macchina da 10,5 pollici, il che significa che anche l'alloggiamento è relativamente grande. Ha esattamente 24,95 x 17,54 cm di lato, quindi non si può dire che sia con una sola mano. D'altra parte, il suo spessore, più precisamente la sua sottigliezza, è di soli 7,2 millimetri e il suo peso non è molto, pesa solo 491 grammi, quindi non ci strappa le mani.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 4

Se visto di fronte, sdraiato, il vassoio della SIM è in basso a sinistra, quindi il connettore di tipo C, con una griglia dell'altoparlante sopra di esso e il connettore del jack per le cuffie in alto. Sul bordo opposto c'è un'altra griglia dell'altoparlante, sopra c'è il controllo del volume e il pulsante di accensione. In alto ci sono i microfoni e in basso i contatti per la tastiera fisica opzionale.

Al dritto, su entrambi i lati, il caffè è piuttosto stretto, circa 8 millimetri, e nella parte superiore può essere di circa un pollice e mezzo. Sulla parte superiore del caffè troviamo il sensore di luminosità, accanto ad esso la fotocamera frontale. Solo la fotocamera posteriore e del testo cinese ci salutano sul retro.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 5

Il materiale della casa è, ovviamente, vetro nella parte anteriore e la copertura in metallo nella parte posteriore è completa. L'assemblaggio è impeccabile, non si screpola né si spezza. Se voglio davvero essere coinvolto in qualcosa, sarebbe un piccolissimo movimento del controllo del volume, ogni altro punto è come ci si aspetterebbe da un prodotto di punta di un'azienda, o per così dire, di punta.


 

Hardware

Bene, questo capitolo sarà quello che rivelerà ciò che rende questa macchina di prim'ordine!

L'unità centrale, ad esempio, non è MediaTek, ma Qualcomm, lo Snapdragon 14 MSM660 Plus a otto core, prodotto precisamente su una larghezza di banda di 8976 nanometri. Non è il pezzo di oggi, ma lo Xiaomi Mi Pad 4, ad esempio, è costruito su di esso. Gli 8 core del processore Kyro e la velocità massima del core di 2,2 GHz sono praticamente sufficienti per tutto. Il Qualcomm Adreno 512 integrato è responsabile dell'accelerazione delle attività grafiche. Quest'ultima unità è ciò che realmente lo imprime, e nei programmi 3D può anche spingere verso il basso le unità centrali MediaTek molto più recenti.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 6

La memoria è di tipo LPDDR4X, capacità 4 GB, gestita da un controller di memoria a due canali, con clock a 1866 MHz. Lo storage basato su eMMC ha una capacità di archiviazione di 64 GB. Quest'ultimo, ovviamente, è espandibile con una memory card, fino a 256 GB.

Il prossimo è il display, ma non l'ho ancora visto su un tablet cinese economico. Ebbene, non prendiamo qui Huawei, ma il prezzo è una categoria completamente diversa, diciamo che possiamo contare un doppio moltiplicatore nella voce più bassa.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 7

Quindi, come ho scritto nell'introduzione, il tablet cinese medio ha un display IPS. Questo è così vero che fino ad ora non c'è stato un tablet senza di essa. Al massimo la risoluzione cambiava da macchina a macchina, quelle più economiche conoscevano il full HD, quelle più costose la risoluzione 2K.

Alldocube X Neo è il primo tablet cinese a basso costo dotato di display AMOLED. Non credo che questo dovrebbe essere spiegato troppo, la sua qualità è anni luce avanti rispetto a qualsiasi altra soluzione diffusa e conveniente, ma non è nemmeno abbastanza economica da adattarsi anche a una macchina cinese di fascia media.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 8

(Nota tra parentesi qui che i tablet di fascia medio-alta di Samsung hanno un display AMOLED, solo che costano circa il doppio della macchina Alldocube)

La risoluzione non è la solita full HD, ovvero 1920 x 1080 pixel, ma 2,5K, ovvero 2560 x 1600 pixel. Questa pletora di pixel è ospitata in un pannello da 10,5 pollici, quindi anche la densità dei pixel è ottima a 287 ppi. La qualità dell'immagine, la precisione del colore, il rapporto di contrasto, gli angoli di visualizzazione sono incredibilmente buoni. La macchina ha ottenuto la certificazione DCI-P3, il che significa essenzialmente che soddisfa i criteri standard definiti dalle Digital Cinema Initiatives (DCI). Di conseguenza, l'immagine è più ricca di dettagli, otteniamo colori più vicini alla realtà e il display è in grado di visualizzare più colori del solito. Se ciò non bastasse, è bene sapere che la copertura dello spazio colore NTSC è del 105 percento e, naturalmente, otteniamo anche l'HDR, solo per rendere tutto davvero impeccabile.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 9

Spero che tutti stiano iniziando a capire cosa rende questa macchina di fascia alta, ma non siamo nemmeno vicini alla fine delle nostre capacità.

L'immagine è seguita dal suono, almeno dagli altoparlanti. Ho qualche incertezza su questo, perché il materiale pubblicitario evidenzia che c'è un doppio altoparlante, cioè se guardiamo l'immagine quando è stesa, ce n'è uno a destra e uno a sinistra. Tuttavia, non riesco a trovare la parola stereo da nessuna parte. Sarebbe un po' strano se due degli altoparlanti suonassero in mono, ma non oso nemmeno descriverlo come stereo, perché se non lo fosse.

Abbiamo una fotocamera davanti al retro, però, questi sono i più utili per tenersi in contatto con Internet, in quanto c'è un sensore da 5 megapixel sul pannello frontale. Diciamo che i tablet non sono stati fotografati finora, né l'X Neo cambia le cose. Ovviamente non devi piangere, perché con la fotocamera da 8 megapixel puoi ancora scattare foto da 8 x 3264 pixel o registrare video FHD a 2448 fotogrammi.

Un'altra cosa interessante è che, ma a causa della categoria della macchina, si prevede che l'interfaccia di rete Wi-Fi 5 sarà a doppio canale, quindi supporterà la modalità a 2,4 GHz oltre alla precedente 5. Un'altra buona notizia è che il Bluetooth è già 5.0, il che sarà davvero gratificante per coloro che hanno già un auricolare o un auricolare così standard.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 10

Parlando di radio, ne mancano due tipi. Uno è mobilnet, ovvero 4G, l'altro è la navigazione.

Per quanto riguarda quest'ultimo, vale la pena notare che per la maggior parte dei tablet il produttore è soddisfatto del supporto del sistema GPS. Bene, non ne ho visto uno che supporti quattro sistemi satellitari su un tablet cinese, incluso Xiaomi, ad esempio. Questo è il caso di Alldocube X Neo. Oltre al GPS americano troviamo anche il russo GLONASS, il cinese Beidou e l'europeo Galileo. Una parola finisce per cento, nessuno avrà problemi a navigare!

Un'altra buona notizia. Dopo i tanti tablet cinesi in commercio che si possono inserire in una SIM, è solo superfluo perché non supportano la rete domestica, ora ecco questa macchina, che a sua volta lo è. Certo, chiunque acquisti l'X Neo può utilizzare la rete mobile 4G a casa a tutta velocità perché otteniamo il supporto per la banda B20 800 MHz. Puoi comunque inserire fino a due schede SIM nel vassoio della SIM, almeno quando non viene utilizzata alcuna scheda di memoria.

Cos'è rimasto?

Non abbiamo parlato dei sensori, anche se eccone alcuni, anche se non tanto quanto in un telefono. Abbiamo anche un sensore di gravità, un giroscopio, un sensore di prossimità e un sensore di luminosità. Quest'ultimo significa che è possibile impostare la regolazione della luminosità del display sensibile al contesto, che, tramite AMOLED, fa bene ai consumi.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 11

Se stai già consumando. Nel negozio online, la batteria è scritta come 8000- dal lato del produttore come 7700 mAh. Non importa quale crediamo, il punto è quanto ha comunque una carica, e non ci saranno errori in esso, come mostreranno i test seguenti. Nel frattempo, è anche importante ottenere una ricarica rapida QC3 per la batteria grande.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 12

E alla fine, ciliegina sulla torta, che arrivino le altre prelibatezze. Nonostante il formato USB Type-C, anche il jack per le cuffie non è stato risparmiato. Questo è positivo perché ci consente di ascoltare la radio FM con un auricolare cablato, che non viene lasciato fuori dalla confezione. Ultimo ma non meno importante, è importante che chi vuole avere anche una comunicazione vocale o video grazie alla scheda SIM disponga di un doppio microfono per ascoltare ciò che sta dicendo anche dall'altra parte.

Fine del capitolo. Spero che tu non abbia più domande, sai già perché mi sono innamorato di questa macchina in un istante!


 

test

La tabella seguente mostra le mie misure abituali. Le prestazioni durante i giochi sono mostrate dai punti Antutu e 3DMark, l'uso quotidiano è stato segnato dal programma PCMark.

Non c'è stata una grande sorpresa in termini di prestazioni, poiché finora questo processore funziona sul mio Xiaomi Mi Pad 4, quindi sapevo cosa aspettarmi. Alldocube introduce l'X Neo come tablet per i giocatori (anche) e ha il potere di abbinare il token del giocatore.

Nella prima colonna c'è l'attuale macchina allo stato dell'arte di Teclast, meglio conosciuta anche in Ungheria, nella quale lavora un altro chip MediaTek. Puoi vedere che è più forte in PCMark, ma man mano che il rendering diventa importante, ad esempio in Antutu e 3DDMark, Snapdragon ti allontana dal rivale.

 Teclast T30Teclast T20Alldocube X Neo
Processore (SoC)MediaTek Helio P70MediaTek Helio X27Snapdragon 660
Programma di prova   
Panca AnTuTu. 7.xPonte 168688115150 puntiPonte 178797
AnTuTu Bench CPU / GPU / UX / MEM74227 / 29261 /
32741/32459 punti
47904 / 28158 /
31980/7108 punti
74996/35881/34558/33332 punti
PC Mark Work 2.0Ponte 79604167 puntiPonte 6108
PC Mark Visione artificialePonte 57322941 puntiPonte 3471
Memoria PC Mark MarkPonte 99943248 puntiPonte 4776
3DMark Sling shot / OpenGL estremo / Vulcano1400 / 1284 /
Ponte 1252
1255 / 1052 /
Ponte 819
1987/1322/1290 punti
3D Mark Tempesta di ghiaccio / estremo20429 / MAX punti16345/9315 punti26345 / MAX punti
API 3D Mark Overhead OpenGL/Vulcano68242 / 25861253759/123657 punti161950/298241 punti

Ho anche testato l'uptime. Ho usato il test della batteria PCMark per questo. Prima di iniziare, ho caricato la batteria al 100%. Il test si avvia e carica continuamente il processore. Durante il test, la luminosità era del 100%, il Wi-Fi era acceso. Secondo i risultati del test, nelle condizioni di cui sopra, cioè con un test in continuo funzionamento, la macchina è scesa dal 7 al 14 percento in 100 ore e 20 minuti.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 13

Come ho scritto sopra, ci sono dati diversi sulla capacità della batteria nel negozio online e dal lato del produttore, ma non importa comunque, il tempo di funzionamento di 7 ore e un quarto dovrebbe essere imbottigliato all'80% di immersione!


 

Usa, sperimenta

La macchina è buona da tenere. I materiali sono buoni, buoni da tenere in mano, e comunque è tutto in uno. Non c'è nessun difetto nelle prestazioni, la qualità dell'immagine e il display AMOLED sono semplicemente fantastici. Quando il mio compagno l'ha visto, ha osservato che aveva una buona immagine di un manzo, anche se aveva visto alcune tavolette con me e, dirò, non aveva mai detto che gli piacesse questo o quello. Certo, il cinquantesimo punto è cosa dire dopo la stessa macchina.

Di solito non gioco, ma uso molto Internet, uso molto Facebook per via del mio lavoro. Corrispondo molto, chiacchiero molto e nel tempo libero ascolto musica e guardo film, anche se in questo momento non sto guidando.

Alldocube X Neo è, ovviamente, perfetto per le attività online medie, come ci si aspetterebbe da una macchina dotata di ferro da stiro. Possiamo anche usarlo per ascoltare musica, anche se sarei meno propenso a consigliarlo. Non fraintendetemi, rispetto a un tablet medio, non suona male, anzi, è abbastanza dinamico, ha un calo profondo, ma non è ancora l'hardware su cui è un piacere ascoltare la musica .

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 14

Ma ciò che è perfetto, e non riesci a pensare a niente di meglio, è guardare film. L'immagine è impeccabile grazie al display AMOLED e gli effetti sonori sono della giusta qualità per questa esperienza. Mi ricorda, Netflix è compatibile con la struttura, è importante per me, ma immagino di non essere solo con quello.

Come ho scritto, non suono, ma dal momento che il suono, l'immagine, la forza dell'hardware sono a posto, probabilmente non è un problema neanche con quello.

Quello che mi dispiace davvero, come ho scritto sopra, è che non ho aspettato dopo l'uscita, quindi non ho ricevuto una tastiera in regalo. Sto pensando di acquistarlo, ma il prezzo di $ 65 mi trattiene ancora. Grazie all'ampio display, posso anche digitare sulla tastiera virtuale su schermo con entrambe le mani, anche se posso digitare solo con 4-5 dita, ma è anche più di ogni altra cosa.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 15

Ho già scritto dell'uptime durante i test, penso che ciò che otteniamo sia perfettamente sufficiente. Se non lo usiamo continuamente, spegniamo la luminosità, regoliamo il soggetto scuro, quindi anche con un uso intensivo, c'è abbastanza capacità per un'intera giornata. Ed è sufficiente poter guardare film su di esso fino a 7-8 ore con una singola carica.

Ho provato la navigazione utilizzando Waze, non so proprio cosa scrivere perché durante l'utilizzo non è successo nulla di interessante. Ha funzionato, non sulla strada sbagliata, in una parola bene.

Ovviamente ho provato anche mobilnet e telefonia. Il primo ha funzionato bene, anche se alla fine del mondo, ai margini del villaggio, la velocità non era dell'acciaio, ma era più che accettabile per quello che ho ottenuto. Questo sarà ovviamente migliore in un'area con copertura normale. La telefonata è perfetta, gli altoparlanti integrati sono perfetti per la voce, il chiamante ha detto che anche io potevo essere ascoltato in modo impeccabile, quindi è probabile che anche il doppio microfono faccia la sua parte. Quindi, se vuoi un telefono di dimensioni extra, puoi anche usare X Neo per quello.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 16

Ho già scritto della risoluzione delle fotocamere, non ancora della loro qualità. Anche se le impostazioni della fotocamera cedono un po', ci sono tutti i tipi di profili per il bilanciamento del bianco, c'è il rilevamento dei volti e sottigliezze simili, penso che queste fotocamere non siano principalmente per la fotografia, sono molto più utili per tenersi in contatto con il ragnatela.

Qualche parola sul software. La macchina esegue Android 9. Questo è un Android di base con modifiche minime, il pacchetto di sicurezza alla fine dello scorso anno. Al momento non è disponibile una versione più recente del software, anche se non c'è niente di sbagliato nemmeno in questo nove, al massimo potremmo essere un po' rattristati dalla data del pacchetto di sicurezza.

Ancora più importante, ovviamente, la macchina parla ungherese, ho trovato solo una voce di menu inglese nel menu.

Anche l'Android di base ne sa parecchio, ma se non ti piace l'interfaccia, puoi installare un altro launcher. Non ci sono lamentele sulla conoscenza, c'è un tema scuro, risparmio visivo automatico, modalità notturna senza luce blu e ovviamente abbiamo i servizi Google a nostra disposizione, non come sugli sfortunati dispositivi Huawei.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 17

E alla fine del capitolo, qualche consiglio-trucco.

Non so perché, ma il trasferimento di file USB è disattivato per impostazione predefinita, ma il debug USB è attivo. In teoria, anche con quest'ultimo acceso, potresti copiare file tra tablet e desktop, ma io no.

La soluzione è la seguente:

  1. Vai alle impostazioni, apri la voce di menu in basso chiamata Sistema.
  2. Fare clic sul menu in alto, Informazioni sul telefono.
  3. Scorri fino in fondo dove viene visualizzato il numero di build.
  4. Fai clic su di esso (5 volte in linea di principio) finché non dice che sei già uno sviluppatore.
  5. Quindi torna al menu uno per uno (Sistema) e cerca Impostazioni sviluppatore. aprilo!
  6. Disattiva il debug USB, quindi scorri verso il basso per trovare e fare clic sull'impostazione USB predefinita.
  7. Seleziona il trasferimento di file come predefinito e il gioco è fatto!

 

sommario

Ora passiamo prima al materiale sporco, solo per avere una base per confrontare quanto sia costoso o semplicemente economico l'Alldocube X Neo.

La macchina con display AMOLED più economica su Product Finder è il Samsung Galaxy Tab S5e. Questa macchina è quasi la stessa dell'X Neo in quasi tutti i modi, con alcuni punti almeno migliori di così. Ad esempio, il proci è più recente, la fotocamera è da 8 megapixel invece di 13, ma la capacità della batteria è inferiore, ad esempio.

Il prezzo più basso del Samsung Galaxy Tab S5e è di 122 mila fiorini, ma il cartellino del prezzo è più di 140 mila in più rispetto ai rivenditori seriamente non-noname.

E quanto costa Alldocube X Neo? Non meno di 76mila fiorini. Questo è 46 mila in meno rispetto anche al prezzo Samsung più economico, ma se guardiamo ai prezzi dei normali negozi, la differenza è già di 70 mila fiorini.

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 18

Chiunque compri macchine cinesi, il punto è che le compra e le fa perché ottiene le stesse prestazioni a un prezzo molto più conveniente che se le acquistasse da un produttore rispettabile. Nel caso dei tablet, l'unico problema finora è stato la mediocrità, cioè, sebbene avessimo macchine con buone capacità, non ne abbiamo ottenute di molto buone. Alldocube X Neo macina questo chip.

Da parte mia, per ora, non importa quanto lo amassi, gestivo un papa in lacrime per il tablet Xiaomi Mi Pad e lo lanciavo in un annuncio, e l'X Neo sarebbe il mio nuovo preferito per un po'. Per quanto tempo, potevano dirlo solo a Xiaomi, ma fino a quando non rilasceranno un tablet AMOLED, sarò loro infedele.

L'Alldocube X Neo ha soddisfatto le mie aspettative, non mi dispiace per un minuto che l'ho votato, vale ogni fiorino e servirà quello che ho speso per questo.

Il re è morto, lunga vita al nuovo re, Alldocube X Neo!

Puoi acquistare il nuovo tablet AMOLED qui:

Tablet Alldocube X Neo 4/64 GB

Se lo acquisti con una tastiera, puoi aggiungerlo al carrello qui:

Tablet Alldocube X Neo 4/64 GB + tastiera

Ricordati di utilizzare la modalità EU Priority Line duty-free come mezzo di trasporto!

 

Altri test per tablet sul nostro sito

 

Se vuoi acquistare a buon mercato da un negozio cinese, unisciti al nostro gruppo Facebook qui, vedrai che andrà bene, siamo già più di 8000:

Gruppo Facebook di acquirenti dalla Cina

 

Se ti piacciono i video tecnici, iscriviti al nostro canale YouTube e non perdere un test:

Canale YouTube HOC

Test Alldocube X Neo: il miglior tablet cinese di quest'anno 19

Valutazione

97%

Coltello da valutazione Il miglior tablet cinese finora è stato l'Alddocube X Neo. Si mette alle spalle tutti i tablet cinesi economici, compreso Xiaomit. Il processore è potente e ora abbiamo un display AMOLED per la prima volta.

Esterno
100%
Hardware
100%
Software
95%
prezzo
95%

Circa l'autore

s3nki

Proprietario del sito web HOC.hu. È autore di centinaia di articoli e migliaia di notizie. Oltre a varie interfacce online, ha scritto per Chip Magazine e anche per PC Guru. Per un certo periodo ha gestito il proprio negozio di PC, lavorando per anni come responsabile di negozio, responsabile del servizio, amministratore di sistema oltre che nel giornalismo.