Seleziona pagina

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C

Non ti strappa la testa come una Tesla, ma attraversa un fosso tra i cespugli, il fango nella neve, sull'asfalto La bici elettrica ADO Z20C.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C


Assicurati di dare un'occhiata anche al video test!


Unisciti al gruppo ufficiale dei proprietari di biciclette ADO ungheresi cliccando qui!

Bicicletta elettrica ADO Z20C - Introduzione

Devo ammettere che questa primavera mi consideravo ancora un uomo di città, alla ricerca di una bici elettrica con quel tipo di occhio. Poi ci siamo trasferiti in campagna all'inizio dell'estate, e questo ha cambiato tutto.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 1

Nel nostro nuovo quartiere ti aspetta un percorso escursionistico incredibilmente più bello, tra cui alcuni su misura per le biciclette. Nessuna folla, posso andare ogni volta che il mio tempo libero lo consente. Per questo motivo l'aspetto della scelta della bici è poi cambiato.

Ho guardato quelli che sono abbastanza forti, capaci di affrontare terreni più duri oltre all'asfalto, adatti ad essere usati senza problemi, come bicaj, anche senza assistenza, ma se hai bisogno di aiuto, è disponibile in quantità sufficiente.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 2

Poi mi sono confrontato con una promozione introduttiva, un prodotto di un produttore a me completamente sconosciuto prima, ovvero la Fat Bike ADO Z20C.

Fu amore a prima vista. Le ruote con tubi spessi e di grandi dimensioni, la forma del telaio, il cambio e i freni a doppio disco e i cerchi da 20 pollici apparentemente grandi insieme sembravano un pacchetto abbastanza buono. Nonostante il prezzo non fosse basso, chiedono 100-150 mila fiorini in più per biciclette simili, quindi…

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 3

L'unica incertezza era causata dalle dimensioni, poiché è interessante notare che non sono riuscito a trovare altri dati oltre alla dimensione della ruota, quindi ho cercato di stimare ciò che stavo affrontando in base alle immagini. Non ha funzionato, ma in questo caso sono arrivato alla fine più fortunata delle cose. Puoi scoprire perché in questo articolo.


 

Scatola, imballaggio

All'inizio, la scatola in cui è arrivata sembrava stranamente grande, ma quando è stata aperta e disimballata, era abbastanza chiaro perché fosse così grande.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 4

Piegato bene nella scatola, il telaio, le ruote sono ovviamente montate in posizione, quindi metterle insieme non è arte. In tutti i punti in cui le parti potrebbero entrare in contatto con imballaggi morbidi, lo Z20C è arrivato completamente integro.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 5

A parte la parte assemblata più grande, solo il manubrio non viene spinto in posizione, ma ovviamente non è nemmeno solo quello separato, poiché il cavo a frusta, i bowdens, lo collegano al telaio.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 6

Tutto quello che dobbiamo fare è avvitare i parafanghi, aprire i pedali, mettere il volante in posizione e il gioco è fatto. O non completamente, ma su questo più tardi.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 7

Quindi la confezione è esemplare, mai peggio! Prima di entrare nel rapporto sull'esperienza, lascia che vengano i dati ufficiali!


 

Il modulo cartaceo

Cominciamo con i dati asciutti, perché da lì potrò spiegare quello che ho da dire e ci sarà cosa, te lo prometto!

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 8

Il nome completo della bici è Dece Oasis AD Z20C. L'azienda produttrice è stata fondata qualche anno fa, non a caso l'azienda è cinese. Mentre non possono guardare indietro a una lunga storia, non è più vero per la casa madre, il proprietario del marchio non ha iniziato ieri, vero, solo per gli standard cinesi, perché non puoi trovare aziende qui da molti decenni, o solo raramente. A dir poco, Xiaomi ha solo 10 anni.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 9

L'impianto elettrico è a 36 volt, la batteria ha una capacità di 10 Ah, composta ovviamente da celle agli ioni di litio. Il motore è da 350 watt, che è un pezzo piuttosto robusto, il telaio è in lega di alluminio. Tuttavia, il peso totale della bici è di 29 libbre, che non è sufficiente se devi sollevare o spingere, ma ci aiutiamo per quest'ultimo. Questo è uno degli extra della roba.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 10

Le ruote sono da 20 pollici, i cerchi sono anch'essi in lega di alluminio, la gomma è gonfiata e abbastanza croccante per avventurarsi nel terreno, ma non così scomoda da usare sull'asfalto.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 11

Il dato ufficiale per la distanza che può essere percorsa da una batteria oltre i 20 chilometri, ma ovviamente è scritto anche lì, dipende dal terreno e dal peso del guidatore. Questo peso può comunque arrivare fino a 120 libbre, quindi i nostri compatrioti più pieni possono sedersi su di esso se hanno voglia di rotolarne uno.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 12

Certo, girati intorno, perché puoi farlo anche tu. Ci sono le solite tre modalità, ovvero una bici normale, variabile, a sette velocità senza assistenza. Se iniziamo a stancarci, possiamo usarlo con un aiuto, qui possiamo usare anche i cambi, quindi giriamo, il motore aiuta. Se finalmente ne hai avuto abbastanza del tuo allenamento, puoi anche usarlo in modalità completamente elettrica tirando l'acceleratore.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 13

La velocità finale è data a 25 chilometri orari, che in alcuni paesi è il limite superiore della velocità consentita da una bici elettrica. Naturalmente, se arriva un pendio e giriamo, non frenerà automaticamente, e qui c'è anche un altro trucco, ma ne scriverò in uno dei prossimi capitoli.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 14

Se usiamo l'assistenza, la distanza può essere aumentata a 40 chilometri, cioè in sostanza si può coprire una distanza Budapest-Venezia, e poi, una volta raggiunta, si può andare al caricabatterie per 4 ore. Ci vuole così tanto tempo per caricarsi completamente prima di poter tornare a casa.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 15

Per quanto riguarda il motore e la batteria, è importante che ci sia, ovviamente, un'alimentazione rigenerativa, cioè rotolando in pendenza e rilasciando l'acceleratore per caricare la batteria. Nel contesto della ricarica, è anche importante che siano integrate diverse protezioni. C'è protezione da sovraccarico e sovracorrente, protezione da sovraccarico, protezione da surriscaldamento, protezione da cortocircuito. La batteria si spegne automaticamente quando la carica raggiunge il livello corretto e immerge uniformemente le celle quando sono immerse.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 16

I punti salienti includono una trasmissione Shimano a 7 velocità e freni a disco nella parte anteriore e posteriore. Per quest'ultimo, è importante ricordare che i dischi sono abbastanza spessi, non sono riuscito a friggerli, anche se ci ho provato. Il freno stesso è meccanico, il bowden non è idraulico.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 17

Per le lampade, il produttore fa un piccolo trucco perché dice Front Lamp, Tail Light. Da questo, molti scrittori di articoli sono giunti alla conclusione che c'è una lampada davanti e dietro, ma non ce n'è, il cui significato non vedo. La lampada anteriore va bene, anche molto bene, ma c'è solo un occhio di gatto sul retro. Ovviamente, non è una grande avventura installare una retroilluminazione in seguito, ma avrebbe potuto essere di fabbrica.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 18

È anche importante che la bici possa essere piegata in modo da poterla mettere nel bagagliaio. Possiamo piegare il telaio a metà, abbassare il manubrio, ma non sarà nemmeno piccolo, quindi hai bisogno di uno spazio nel bagagliaio per assorbirlo comunque. Diciamo che ti adatti alla combo.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 19

Se ho già menzionato lo chassis espandibile, include il fatto che il pacco batteria è integrato nel telaio, ovviamente, e se lo vogliamo, la chiave di blocco - perché lo è! - dopo averlo spento, possiamo tirarlo fuori, portarlo all'appartamento, spenderlo in ufficio.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 20

Ancora più importante, hanno messo un display LCD su di esso, ha anche una retroilluminazione. In uno dei capitoli seguenti, descriverò ciò che sai, ma in particolare competerò con un computer di bordo più semplice.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 21

Queste sono le cose essenziali. Testi che si asciugano su una strada a 4 metri dalla distanza di arresto ne bagnano 6, quindi o ci crediate o no. All'inizio era un moltiplicatore per me, ma può essere scritto a spese, diciamo, della mia stessa stupidità.


 

Controlli

Sul volante, a sinistra, ci sono la leva del freno posteriore, il computer, l'interruttore delle luci, il clacson e un interruttore a tre posizioni, il cui ruolo non sono ancora riuscito a capire. Semplicemente non noto nulla ovunque mi connetto, ma sto ancora indagando. Diciamo che questo dovrebbe essere il nostro problema più grande.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 22

A destra c'è il freno anteriore, l'interruttore del cambio e l'acceleratore all'interno dell'impugnatura.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 23

Ecco, vediamo il "computer di bordo" più interessante!


 

Il computer

Potrebbe essere un aspetto meno importante, ma sembra particolarmente buono. Ampio display, tre pulsanti, forte retroilluminazione e tantissimi dati.

Se la chiave di blocco nella parte inferiore del telaio è girata, puoi accendere la bici tenendo premuto il pulsante centrale per tre secondi e puoi spegnerla premendolo per tre secondi.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 24

Con i pulsanti più e meno possiamo regolare la quantità di aiuto, nella quinta marcia la salita più forte sarà solo un leggero allenamento cardio, e nello zero le nostre gambe possono essere muscolose.

Il display contiene anche dati come la velocità media, la velocità massima e, ovviamente, la nostra velocità attuale. Vediamo la distanza totale percorsa e la distanza percorsa dall'inizio corrente. Ovviamente, vediamo la carica della batteria, l'ora esatta e l'ora dall'inizio. Schiuma la torta in modo che anche l'illuminazione abbia feedback sul display!

I dati finora non sembrano nemmeno piccoli, ma c'è ancora una funzione!

Ho scritto sopra che non dobbiamo sudare anche se dobbiamo spingere la moto. Premendo il tasto meno per 5 secondi si attiva la funzione denominata assistente al parcheggio.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 25

Non dirlo nemmeno, anche i miei occhi si sono spalancati, ma ovviamente non si tratta del nostro parcheggio per le bici da solo, si tratta di iniziare a guidare la ruota posteriore a una velocità di 5 chilometri all'ora in modo da poter camminare liberamente su per una montagna. Sono ridicolmente sei, ma ci sono stati momenti in cui è tornato utile.

E poi arrivano gli extra perché ci sono anche loro. Abbiamo un menu di servizio.

Otteniamo una descrizione per le prime otto voci di questo menu, ma ci sono altre impostazioni che non ho ancora capito per una funzione.

In questo menu è possibile modificare la luminosità del display, passare da chilometri orari a miglia orarie, regolare la tensione del pacco batteria (ad esempio, non rovinarlo), modificare le dimensioni della ruota e ora, attaccare, impostare il velocità massima disponibile. Il valore di picco è 100.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 26

Sì, ovviamente non otterrai 100 chilometri all'ora con esso a meno che non salti da un aereo, ma non è male che i 25 Km / h possano essere aggirati. Non chiedermi quanto sia legale, ognuno lo usa a proprio rischio, non indicarmi che ho detto che potrebbe essere.

Mi chiedo cosa non ho ancora descritto, ma penso che fosse tutto quello che c'era da fare alla parte essenziale, l'uso.


 

Esperienze

Cominciamo con il male, perché non ce n'è molto, una cosa in totale, e cioè parafanghi adatti (o parafanghi come preferisci).

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 27

Cosa posso dire, è una cosa piuttosto schifosa, avrebbero potuto risolverla più bene. Forse non è un caso che la maggior parte delle immagini di fabbrica non abbia nemmeno nulla. Per fortuna hanno anche aggiunto avanti e indietro, ma mi ci è voluto un po' per fabbricare. Alla faccia del male, d'ora in poi arriveranno solo cose buone, e ovviamente le mie sciocchezze.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 28

Quindi è arrivata la moto, ho disfatto le valigie, ho messo insieme quello che dovevo mettere insieme, ho montato anche i parafanghi e poi ho guardato quanto soufflé c'è nella batteria. C'era, così ci rimbalzai sopra e mi diressi in strada.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 29

Inutile dire che nella grande fretta di provarla ho dimenticato una cosa piuttosto importante, il controllo dei freni.

Potete già immaginare, strada asciutta qui, strada asciutta là, lo spazio di frenata non era di 4 metri, ma non ha funzionato. Fortunatamente, nessuna macchina si è incrociata quando sono scivolato elegantemente attraverso l'incrocio, tirando la leva del freno fino all'impugnatura. Quando mi sono fermato, le gambe mi tremavano un po', ma sono scappato. Non essere così stupido, non importa quanto tu voglia andare, controlla prima tutto!

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 30

Sono tornato a casa, ho messo i freni, ho appoggiato la bici, ho collegato il caricabatterie. È stata una giornata emozionante.

Bene, dopo questa breve storia, vediamo com'è l'ADO Z20C!

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 31

Torniamo all'introduzione e a quanto ho sottovalutato le sue dimensioni. Quando l'ho tirato fuori dalla sua scatola, il mio primo pensiero è stato il basso, è enorme. Nelle foto, sembra una bici da campeggio, ma quando assemblata con le ruote enormi, il telaio in metallo dall'aspetto ruvido, sembra piuttosto brutale. Metto anche una foto qui per capire di cosa sto parlando. A sinistra c'è la ruota anteriore del mio motore da 800 cc da turismo e a destra c'è la ruota della Z20C.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 32

Il bicaj stesso è molto rassicurante. Saldature perfette, verniciatura impeccabile, chi gli sta accanto si sente come una moto fuoristrada leggera di cui ha dimenticato il ceppo.

Il manubrio è abbastanza alto da essere comodo anche quando il sedile è basso (in una sorta di posizione BMX) e anche quando è alto. La barra del sedile è così lunga che penso che possa essere regolata senza problemi fino a un'altezza di oltre 2 metri, almeno per me, a 184 centimetri, la mia gamba non ha raggiunto il mio primo tentativo.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 33

Il sedile è comodo, non troppo morbido, non troppo duro, non vuole cadere da sotto la mia schiena, ed è rimasto saldamente a terra, come tutto il resto. Questo forse è dovuto anche ai primi telescopi, forse un grado più duri di quanto dovrebbero essere, una sensazione intonata all'asfalto.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 34

A proposito di terreno, una breve carbonella sull'uso. Il terzo giorno partii con lui sulla montagna. Strade sterrate fangose, alture e pendii coperti di foglie marce, avevano tutto. C'era una parte in cui la ruota posteriore girava sull'Avar bagnato, ma ho anche passato la maggior parte della strada, sulle piste, in sella.

Il telaio e l'intera struttura hanno resistito bene alla resistenza, quindi il test sul campo mi ha verificato.

Ovviamente l'ho usato anche su asfalto, e sì, ho provato come sarebbe stato scattare a una velocità massima di 25 chilometri all'ora. Beh, ovviamente non andando a cento, era una velocità massima di 35-40 su una strada dritta e non in pendenza.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 35

Diciamo che la grande esperienza non è stata nemmeno quella, ma il fatto di aver completato la rotonda ad una velocità tra i 30-35, proprio come ho deciso sulla mia moto. È un'esperienza piuttosto sbalorditiva sedersi in sella a una bici elettrica.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 36

L'aiuto viene comunque molto utile sull'asfalto, viviamo in una campagna collinare (Zala), e a volte non fa male avere un piccolo aiuto in collina. Su pendenze moderatamente ripide, tortuose, puoi raggiungere i 25 chilometri all'ora, con un motore semplice, azionamento elettrico di 20. Quindi anche queste cose vanno molto bene.


 

Riassumiamo

Il fatto è che potrei ancora scorrere le pagine, ma ho descritto il punto. Ho comprato una bicicletta, su per una montagna, una valle, asfalto e fango, e ha funzionato, proprio come volevo. Solo questo parafango, il parafango è ciò che non è perfetto, ma potrebbe essere ancora perdonabile.

Lo amo così com'è. Mi piace che, sebbene la struttura sia come una vecchia bici da campeggio, non sembro una scimmia sulla mola. Umano, scusate l'espressione maschilista, ma maschile, un vero pezzo da macho. Tutti si girano dopo di lui, il che non c'è da meravigliarsi se si vedono raramente.

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 37

Nella campagna introduttiva ora, è scritto che è a metà prezzo, che penso sia una sciocchezza orbitale, ma il fatto è che è un regalo per il prezzo attuale di 321 mila fiorini.

Quindi, se lo desideri, ora puoi ordinare da un magazzino tedesco con un tempo di consegna di circa 7 giorni lavorativi. Ovviamente né dogana né IVA, la consegna è gratuita.

Clicca qui per acquistare:

Bicicletta elettrica ADO Z20C (Fat Bike)

 

Contenuti simili sul nostro sito

Questa non è una bici elettrica, ma un mostro - test ADO Z20C 38

Circa l'autore

s3nki

Proprietario del sito web HOC.hu. È autore di centinaia di articoli e migliaia di notizie. Oltre a varie interfacce online, ha scritto per Chip Magazine e anche per PC Guru. Per un certo periodo ha gestito il proprio negozio di PC, lavorando per anni come responsabile di negozio, responsabile del servizio, amministratore di sistema oltre che nel giornalismo.